martedì 20 settembre 2016

Why not if not

C'è moltissima gente che cammina per chilometri e chilometri, pochi hanno una bicicletta e ancor meno sono coloro che hanno un'automobile. In mezzo ai tanti quasi tutte le mattine vedo i carcerati che vanno a lavorare controllati a vista da una guardia armata.
Mentre fotografavo il grande albero di jacaranda ecco che si mettono tra me e l'albero fiorito questi uomini e l'insegna di un locale con scritto: "Why not if not".
Scritta che diventa particolarmente interessante visto che fa da sfondo ad una continua processione di persone, incarcerate e non, "prive della libertà".
WHY NOT IF NOT